Il nostro blog

Il blog di Naturetica è un luogo di raccolta di consigli utili a favorire il raggiungimento di una condizione di benessere, fisico e mentale, attraverso la cura del corpo e degli ambienti che abitiamo.
Un canale di comunicazione che sia

anche spazio di incontro attraverso il quale stabilire rapporti più diretti sia con quanti si servono presso il nostro store, che con gli utenti che vogliono migliorare la propria quotidianità attraverso pratiche di attenzione da dedicare a se stessi.

08/11/2012

Oli essenziali: cosa sono e come usarli

sharing

Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta degli oli essenziali e delle loro proprietà benefiche per la nostra salute fisica e mentale. In questo post cercheremo di chiarire le modalità d'uso degli oli essenziali e i benefici che possiamo trarre dal loro utilizzo.

Partiamo dal principio: cosa sono gli oli essenziali? Sono tutte quelle sostanze profumate racchiuse in piccole gocce che troviamo in fiori, piante, radici, frutti ecc. Sono sostanze molto concentrate e volatili, per questo vengono vendute in boccette piccole e scure, per garantirne una migliore conservazione. Gli oli essenziali hanno diversi impieghi. Usati nelle lampade per aromi incidono sulla nostra sfera emotiva e psichica. Quando usiamo le lampade per aromi gli oli vanno sempre diluiti nell'acqua se non vogliamo che la lampada si spacchi. La dose giusta varia da 5 a 15 gocce a seconda dell'intensità che vogliamo ottenere. Possiamo anche mescolare più fragranze ma sarebbe meglio non mischiarne più tre. Ogni olio ha le sue proprietà. Ci sono fragranze che stimolano la concentrazione (agrumi), altre che rilassano (lavanda e melissa) e favoriscono il sonno o la meditazione. In alternativa alle lampade, per favorire il sonno, possiamo versare 2 gocce di lavanda e 2 di melissa direttamente su un fazzoletto da tenere sul cuscino . Per i bambini occorre dimezzare la dose, che può essere messa su un orsacchiotto da tenere nel lettino.

Alcuni oli poi favoriscono la respirazione durante la stagione fredda (eucalipto, pino, menta), e se aggiunti nella vaschetta dei radiatori contribuiscono a creare la giusta umidità negli ambienti chiusi. Si possono anche usare per fare i vapori balsamici in caso di raffreddore, tosse e malanni di stagione. In questo caso basta versare alcune gocce di limone, eucalipto e menta in una bacinella di acqua calda e respirarne a fondo il vapore, senza dover ricorrere a medicinali e sostanze chimiche. Inoltre in caso di febbre risultano molto utili delle compresse di acqua fredda a cui aggiungeremo per 1 lt di acqua 2 gocce di limone, 2 gocce di lavanda e 2 di melissa.

Gli oli essenziali sono perfetti anche da diluire nell'acqua di un bagno rilassante o per rendere più piacevole e curativo un massaggio. Infatti, a causa del loro basso peso molecolare penetrano velocemente attraverso la pelle e alleviano disturbi e fatica. Nella vasca da bagno bastano 10-15 gocce di oli essenziali disciolti in 4 cucchiai di latte, sapone neutro o sale marino da versare quando la vasca è già piena e il rubinetto chiuso. Per un bagno rilassante si possono sciogliere in 200 ml di sapone neutro 20 gocce di lavanda, 6 di geranio, 18 di arancio,12 di melissa e 8 di cannella. Per il bagno dei più piccoli invece andranno bene 2 gocce di miele, 1 di geranio, 2 d'arancio e 1 di camomilla romana. Per quanto riguarda i massaggi gli oli essenziali vanno diluiti nell'olio di mandorle, di jojoba, di germe di grano, di nocciole o di iperico. Massaggiare la pancia con determinati oli aiuta ad alleviare i crampi mestruali  (es. achillea, camomilla romana, melissa, menta) o le coliche dei neonati (maggiorana, cardamomo, camomilla romana), o dona sollievo ai muscoli doloranti (ginepro, rosmarino, lavanda, verbena). Che dire poi del potere antibatterico degli oli essenziali e del loro indispensabile uso in ginecologia? L'olio essenziale di albero del tè (tea tree oil) ad esempio, viene impiegato con successo per lavaggi esterni e impacchi in caso di vaginiti, cistiti e alterazioni batteriche intestinali. Ne bastano 3 gocce diluite in pochissima acqua per fare dei lavaggi di facile utilizzo e senza controindicazioni.

Nonostante tutte le fantastiche proprietà degli oli essenziali ci sono alcune semplici regole da seguire per evitare di sbagliare:

- A causa della loro alta concentrazione non vanno mai usati puri perchè potrebbero causare irritazioni alla pelle. Fanno eccezione l'olio di albero del tè (tea tree), lavanda, menta, melissa e rosa che potete anche evitare di diluire. Tenete a mente che gli oli essenziali di agrumi possono provocare macchie solari. E' bene quindi aspettare alcune ora prima di esporsi al sole. 

- Gli oli essenziali non si mescolano nell'acqua, ma vanno diluiti nel latte, nel miele, nel sapone, negli oli e nell'alcool. Non bisogna mai superare la concentrazione del 3%.

- E' bene variare la scelta degli oli essenziali per non perderne i benefici a causa dell'assuefazione.

- I bambini hanno una maggiore sensibilità dell'olfatto rispetto agli adulti. Per questo motivo gli oli andrebbero diluiti maggiormente, e andrebbero preferiti gli oli di agrumi, camomilla, rosa, lavanda e miele. In gravidanza evitare la verbena, la salvia, il ginepro, il garofano e il rosmarino.

Con poche accortezze possiamo godere appieno di questi concentrati di natura e capire cosa ci piace e ci fa' stare bene, per entrare in contatto con noi stessi in modo profondo e originale. Per chi non ha dimestichezza con gli oli essenziali ma vuole avvicinarsi all'aromaterapia esistono anche delle confezioni già miscelate di varie fragranze, per non sbagliare e allo stesso tempo non rinunciare al piacere degli oli. Ad esempio possiamo provare una miscela di oli essenziali Flora per conciliare il sonno, purificare l'aria, o favorire la concentrazione. Una volta iniziato a scoprire le fragranze che ci piacciono, sarà semplice creare le nostre personalissime miscele da variare a seconda del nostro umore e dei nostri stati d'animo.

  • AGGIUNGI UN COMMENTO

Online store

online store